indietro
 
biografia
 
fondazione
 
museo
 
news
 
attività
 
formazione
 
abiti
 
link
 
 

seminario
Il plissé
Storia, tecniche, applicazioni

SEMINARIO DI 16 ORE
10-12 maggio 2011

1° giorno - 10 maggio 2011 - durata 6 ore

Mattina ore 9,30 – 11,30
Raffaella Sgubin , Storica dell'Arte
Cosa è il plissé. Le diverse soluzioni estetiche: pieghe, raggiere, diagonali, chevron
Esempi storici di plissè. Combinazioni di effetti

ore 11,30 - 12,30
Patricia Kinsella, Stilista tessile
L'importanza della materia
Fibre e tessuti su cui si può realizzare il plissé
Le diverse risposte estetiche e fisiche della materia

Pomeriggio ore 14,00 - 15,00
Laura Fiesoli, Storica del Tessuto
I sistemi industriali di fabbricazione dei plissé

ore 15,00 - 16,00
Roberta Orsi Landini, Storica del Costume e del Tessuto
• Esempi storici di plissé:
I costumi tradizionali: in Sardegna; in Cina

ore 16,00 - 17,00
Visita al Museo della Fondazione Roberto Capucci

 

2° giorno - 11 maggio 2011 - durata 6 ore

Mattina ore 9,30 – 12,30
Thessy Schoenholzer Nichols Storica del Costume
Laboratorio: realizzazione di plissé, disegni e creazioni plissettate dei partecipanti

Pomeriggio ore 14,00 - 17,00
Thessy Schoenholzer Nichols Storica del Costume
Laboratorio: realizzazione di plissé, disegni e creazioni plissettate dei partecipanti

 
 

3° giorno - 12 maggio 2011 - durata 4 ore

Mattina ore 9,00 – 11,00
Aurora Fiorentini, Storica della Moda
La plissettatura nella moda del Novecento: fortuna, utilizzazioni, stilisti che l'hanno impiegata

ore 11,00 – 13,30
Marco Viviani, Artigiano specializzato
Come si realizza un tessuto plissé: incontro con l'artigiano specializzato di Firenze

 
docenti

Laura Fiesoli

Responsabile della Sezione Contemporanea del Museo del Tessuto di Prato. Ha effettuato attività di consulenza e di docenza presso Enti di Formazione e Corsi universitari della facoltà degli Studi di Firenze nel settore tessile e della moda. Dal 2002 si occupa della raccolta, gestione e archiviazione delle collezioni di tessuti, campionari ed altri materiali di produzione industriale del Museo, con particolare riferimento al contesto produttivo locale. Collabora all’organizzazione degli eventi espositivi ed alla progettazione europea di interventi di valorizzazione del patrimonio tessile. E’ inoltre la referente per le relazioni tra il Museo e le aziende del distretto pratese.

 

 

Aurora Fiorentini

Studiosa di Storia dell’Arte, della Moda e delle Arti Applicate, è specializzata nella moda moderna e contemporanea. E’ stata Project manager per la realizzazione dell’Archivio Storico e del Museo Aziendale della Guccio Gucci SpA, art consultant per la Hugo Boss Industries Ltd e per Conte of Florence; consulente presso la Galleria del Costume di Firenze, ha lavorato in numerose mostre retrospettive sul Costume e sulla Moda in Italia (Milano, Firenze, Rapallo, Genova), Francia (Musée des Arts de la Mode et du Textile du Louvre, Parigi) e Stati Uniti (Solomon-Guggenheim Museum, N.Y). E’ stata ed è docente presso le migliori istituzioni che si occupano di Moda: dalla Facoltà di Architettura e Lettere di Firenze, a quelle di Bologna e dell’Università Cattolica sino allo IULM, al Polimoda e al Politecnico di Milano. E’ autrice di saggi e monografie per case editrici internazionali su argomenti di arte, costume e moda, tessuto, costume, jewelry. Si ricordano in particolare Moda Italiana Anni '50 e '60, Firenze 1991, Il costume al tempo di Lorenzo il Magnifico. Prato e il suo territorio, cura del catalogo e della mostra, Firenze 1992; Le carte vincenti della moda italiana, in La sala Bianca. Nascita della Moda Italiana, Milano 1992; La Moda a Firenze tra Arte e Artigianato, Firenze 2006.

 

Patricia Kinsella

Artista e designer tessile, insegna da diversi anni al Fashion Institute of Technology, Sede di Firenze, come docente di Textile Science and Textile Quality Control, nel corso di International Fashion Design and International Fashion Marketing and Merchandising. Tessitrice esperta, insegna anche al Fuji Studio di Firenze e realizza prototipi di tessuti per le principali industrie tessili di Prato. Ha al suo attivo la partecipazione a diverse esposizioni internazionali; alcune sue realizzazioni sono apparse in pubblicazioni specializzate e sono conservate in importanti musei e collezioni, come The American Craft Museum, New York, The Longhouse Foundation, Southampton, New York ,The National Design Collection of the Smithsonian Institute, New York, First Bank of Boston, Boston, MA,IBM, Baton Rouge, LA and Williston VT. Ha curato la mostra Supermahuman performance sui tessuti tecnologici per lo sport al Museo del tessuto di Prato nell’anno 2008.

 

Roberta Orsi Landini

Studiosa del tessuto e del costume, ha lavorato e lavora da molti anni sulle collezioni tessili di Palazzo Pitti. Collabora con molti musei italiani ed esteri, per l’ideazione e realizzazioni di mostre. In particolare ha curato per la Galleria del Costume diverse esposizioni e cataloghi, fra cui Moda alla corte dei medici, sugli abiti medicei restaurati, Anni Venti la nascita dell’abito moderno, I principi bambini. Abbigliamento e infanzia nel Seicento, Abiti in festa. Per il Museo Stibbert di Firenze ha curato la mostra e il catalogo L’Abito per il corpo-Il corpo per l’abito sul raffronto fra abbigliamento occidentale e quello dei popoli islamici; per il Filatoio di Caraglio la mostra e il catalogo Seta Potere e Glamour e Antichi tessuti e paramenti sacri I tesori salvati di Montecassino all’Abbazia di Montecassino. E’ stata per quindici anni responsabile culturale e direttore dell’attività didattica della Fondazione Arte della Seta Lisio. E’ autrice di numerosi saggi e pubblicazioni, fra cui Moda a Firenze 1540-1580. Lo stile di Eleonora di Toledo e la sua influenza, Firenze 2005. Insegna Storia del Costume all’ISIA di Firenze ed è attualmente responsabile scientifica dei seminari didattici della Fondazione Roberto Capucci.

 

Thessy Schoenholzer Nichols

Dopo gli studi in Svizzera, lavora a New York dal 1976 presso il Metropolitan Museum of Art come restauratrice e conservatrice. Nel 1985  si trasferisce a Firenze per lavorare alla Galleria del Costume. Collabora da allora con molti musei italiani ed esteri, studiando le collezioni tessili e i costumi. Merlettaia, partecipa a mostre e acquista  fama di artista tessile e di insegnante di tecniche tessili particolari. I suoi interessi sono molteplici: nell’ambito dello studio del costume, ha partecipato al restauro e allo studio degli abiti dei Medici, dei Malatesta, dei della Rovere, di Paolina Bonaparte, specializzandosi nel rilevamento della struttura sartoriale. Dal 1989 insegna al Polimoda di Firenze design di moda, drappeggio, e design concettuale; all’Università di Firenze insegna invece modellistica filologica. E’ autrice di numerosi saggi sui temi dei merletti e del costume.

 

Raffaella Sgubin

Laureata nel 1991 alla facoltà di Conservazione dei Beni Culturali dell’Università di Udine con una tesi in Storia dell’Abbigliamento, Raffaella Sgubin è dal 2000 Sovrintendente ai Musei Provinciali di Gorizia, realtà museale multiforme che spazia dall’archeologia alla storia contemporanea, ma che include al suo interno anche un Museo della Moda e delle Arti Applicate. Curatrice di diverse mostre e autrice di numerose pubblicazioni, privilegia come ambito di studi le trasversalità tra le arti e la cultura materiale nelle sue sfaccettate implicazioni storiche, artistiche e simboliche. All’interno di questi percorsi un ruolo importante è occupato dal costume, come chiave privilegiata per leggere in filigrana la storia della cultura e della società. Tra le mostre più recenti si evidenziano Roberto Capucci. Arte e creatività oltre i confini della moda; Caleidoscopio Missoni; Belle Epoque imperiale, Inchiostro, seta e oro, Fiori d’arancio. Abiti da sposa e corredi di nozze nelle collezioni dei Musei Provinciali di Gorizia, Abitare il Settecento, Futurismo Moda Design.

 

Marco Viviani

La Ditta "Plissettattura Milady" fondata nel 1964, in quarant'anni di esperienza ha da sempre eseguito plissettature su ogni tipo di tessuto, pelle, paglia, etc..
La produzione spazia da pieghettature a mano, a plissettature a macchina e i vari tipi di lavorazione sono anche integrati al fine di ottenere sempre i migliori risultati. Grazie alla sua esperienza e alla qualità del lavoro la "Plissettatura Milady" ha potuto collaborare con i principali stilisti italiani, confezionisti ed operatori del settore.